Cell.: +39 347 5201533 | E-mail: info@irenemarchese.it

Casarano

Casarano (LE), Centro di Cultura e di… Colture

Casarano (LE) è uno dei centri più popolosi del Salento soprattutto nel periodo scolastico in quanto ospita un buon numero di Istituti Superiori come: l’Istituto Tecnico Industriale e per Geometri “Antonio Meucci”; l’Istituto Professionale Industria e Artigianato “F. Bottazzi”; l’Istituto Tecnico Commerciale “Antonio De Viti De Marco”; il Liceo Scientifico “Giulio Cesare Vanini”; il Liceo Classico; l’Istituto Magistrale. Ma non solo. A Casarano è molto diffusa l’attività agricola: ottima è la produzione di olio d’oliva, vini, ortaggi, legumi, agrumi e quant’altro. Per questo è considerato una sorta di capoluogo del basso Salento.

In merito alle sue origini, gli studiosi salentini sostengono diverse tesi:. Alcuni sostengono che Casaranno abbia origini greche a giudicare dal dialetto che presenta delle assonanze con la lingua ellenica e per i rilevanti ritrovamenti di reperti archeologici come monete e affreschi. Altri ancora affermano che i ritrovamenti greci siano influenze posteriori alla fondazione della città di chiara origini romane. Anche sul fondatore ci sono discordanze tra Cesare Augusto o Cesare Ottaviano, ma su una cosa sono d’accordo: che il primo nome dato alla città sia stato Caesaranum.

Tra il V e l’XI secolo, Casarano è stato assediato dai Barbari, Greci, Longobardi, Saraceni, e dai Normanni e successivamente, nel basso medio-evo, la città fu riedificata nei pressi dell’antica Casaranello e fu poi assorbita.

A Casarano, tra i Palazzi ne spicca uno, il più importante di tutti: Palazzo D’Aquino. E’ la più grande residenza costellata del Salento. Fu sede Feudale del XIV sec. costruita in capraio, passo dai Tomacelli ai Filmarono, successivamente ai Cardanico ed in fine ai D’Aquino. Ricostruito ed ampliato nel XVII secolo su una vecchia strurrura nobiliare, è stato arricchito da un elegante portale e da una sfarzosa serie di cinquantadue medaglioni ed ha un’ampia facciata lunga 120 metri. Oggi è  sede dei De Lorenzi.

Tra i monumenti artistici:

Architetture religiose: Chiesa Santa Maria della Croce, Cripta del Crocifisso, Chiesa Madre, Chiesa di San Domenico, Chiesa dell’Immacolata, Chiesa e Convento di Santa Maria degli Angeli, Chiesa Madonna della Campana, Chiesa di Sant’Elia, Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, Chiesa della Pietà, Chiesa di San Giuseppe, Chiesa di San Giovanni
Architetture civili: Palazzo D’Aquino (oggi De Lorenzi), Palazzo De Iudicibus, Palazzo D’Elia, Ex Palazzo dei Domenicani – Palazzo Municipale
Monumenti: Torre dell’Orologio e Sedile, Colonna di San Giovanni Elemosiniere.

Feste Patronali:

Particolarmente sentito è il culto dei santi patroni della città, San Giovanni Elemosiniere e la Madonna della Campana. La devozione al Santo protettore si svolge eccezionalmente in 3 importanti appuntamenti: il 23 gennaio, giorno della solennità liturgica in cui spicca la tradizionale processione col simulacro del Santo accompagnato dalla Confraternita omonima. A maggio (III settimana), sfarzosi festeggiamenti nuovamente per San Giovanni nella festa cosiddetta “del Patrocinio” dove imponenti luminarie, concerti bandistici, la grande fiera mercato e la gara pirotecnica finale che attira migliaia di appassionati, concorrono per realizzare una festa che, grazie all’impegno del Comitato viene sempre più valorizzata ed ampliata. Ultimo appuntamento è il 31 maggio dove si commemora l’evento miracoloso compiuto da San Giovanni Elemosiniere quando nel 1842 salvò la comunità da violente e distruttive piogge torrenziali con la solenne Processione che si porta sul luogo del miracolo per commemorarne l’anniversario. Nel mese di aprile, cadono i festeggiamenti per la Madonna della Campana, compatrona della città, le cui imponenti processioni sono caratterizzate dalla presenza di miriadi di bambine e bambini vestiti da angioletti e verginelle che “scortano” i simulacri dei Santi. In questa occasione San Giovanni Elemosiniere accompagna la Vergine nei vari momenti della festa.

Date degli Eventi..
  • Gennaio: Presepe vivente nel centro storico con oltre 100 figuranti in abiti d’epoca.
  • Gennaio: giorno 23 ricorre la festa religiosa di San Giovanni Elemosiniere patrono della città.
  • Febbraio: Edizione del Carnevale Casaranese.
  • Marzo: Rito quaresimale del “Santu Lazzaru” per le vie cittadine; Svolgimento del Rally nazionale di auto “Città di Casarano”
  • Settimana Santa: Allestimento dei “sibburchi” in tutte le chiese cittadine; Processione del venerdì Santo con le 5 statue raffiguranti la Passione di Cristo (L’orto degli Ulivi, Gesù alla Colonna, Gesù in Croce, Gesù nella Bara, l’Addolorata)
  • Domenica in Albis: Solenne festa in onore della Madonna della Campana. L’imponente processione, che parte dal centro della città, fa tappa sulla collina di Casarano dove sorge il santuario della Vergine. Le statue dei santi Patroni (San Giovanni Elemosiniere e la Madonna) sono accompagnati da bambine vestite di verginelle e di madonnine mentre i maschietti vestono abiti di angioletti.
  • Terza settimana di maggio: Grande festa civile in onore di San Giovanni Elemosiniere, patrono della città,con processioni, luminarie,concerti bandistici e gare pirotecniche. La fiera del Santo è una delle manifestazioni commerciali più grandi del Salento.
  • Metà giugno: Solennità del Cuore Immacolato di Maria presso parrocchia del Cuore Immacolato di Maria e sagra dei sapori tipici locali
  • Giugno/luglio: Edizione del “premio Casaranello”; Raduno salentino di Vespe e Lambrette
  • Periodo estivo: Cartellone di eventi “Oltremare-entroterra” e “Estate al Borgo”
  • Agosto: Sagra della “Cazzata (focaccia) Casaranese”
  • Settembre: Sagra ti “Munticeddhri” e di “Pietrabianca”
  • Ottobre: Fiera del SS. Crocefisso;Festa della Madonna della Croce nell’antica chiesa di Casaranello
  • Dicembre: Sagra della “pittula” casaranese

Benvenuti nel nostro b&b e nelle Terre del nostro Salento. In questo sito troverete articoli, offerte e consigli per organizzare una vacanza indimenticabile all'insegna del benessere, relax, divertimento, scoperta e.. integrazione col popolo salentino! Vi aspetto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.